Fondazione Memories sostiene la mostra “Lo Stereoscopio in trincea” allo Spazio Oberdan

Salvate 100 lastre fotografiche scattate durante la Prima Guerra Mondiale

Chi pensa che il cinema 3D sia una moderna invenzione si stupirà scoprendo che esattamente un secolo fa, su tutti i fronti della Prima Guerra Mondiale, appassionati di fotografia scattarono incredibili immagini a tre dimensioni dei tragici eventi che stavano vivendo.

 

A 100 anni di distanza, i negativi originali di quelle fotografie in 3D si stanno deteriorando in modo irreparabile, cancellando così, e per sempre, preziosi momenti della nostra storia.

 

Fondazione Memories, a sostegno della propria mission di conservazione della memoria, ha personalmente finanziato il recupero di 100 lastre fotografiche perché questo patrimonio storico non vada perduto per sempre. Se anche tu vuoi sostenere il restauro di una o più lastre originali, hai la possibilità di farlo contribuendo a salvare la nostra storia.

 

Allo Spazio Oberdan, dal 13 al 25 ottobre e a ingresso libero (10:00 – 22:00), la mostra unica al mondo “Lo Stereoscopio in trincea” metterà a disposizione del pubblico 30 ampi pannelli tridimensionali, da visionare con appositi occhialini 3D, per rivivere le emozioni della Grande Guerra: dal trionfalismo delle parate all’adrenalina degli attacchi, dalla tragedia delle vittime alle angosce dei rifugiati. Trenta frammenti di vita, ancora tragicamente attuali dopo un secolo.

 

 

La mostra è accreditata quale progetto rientrante nel Programma ufficiale delle commemorazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Struttura di Missione per gli anniversari di interesse nazionale.